LA VERITÀ NUDA E CRUDA SULL’ADOLESCENZA

Sto maturando l’idea che l’adolescenza di mia figlia stia sviluppando la mia consapevolezza.

Quella che ci si trasforma veramente in genitori, quando i figli crescono.

Non rompere

I bambini piccoli profumano di latte, sono morbidi, ti regalano sorrisi in abbondanza, ti seguono, ti ammirano e sei tutto il loro mondo. Sono faticosi ma le soddisfazioni non mancano: dalla prima dormita al cucchiaino colmo ingoiato e tutti quei piccoli e grandi traguardi condivisi.
E’ tutto naturale, legato e ti da un senso, quasi di onnipotenza.

Ma quando crescono tutto cambia, compresa l’idea che avevano di te.
Iniziano a criticare, osservare e guardarti con occhi diversi.
Scoprono i tuoi limiti, i tuoi difetti che non puoi più camuffare.
Conoscono il mondo diversamente da te e ne portano anche i pezzi che non avresti voluto far entrare.
Cercano la loro identità, possibilmente molto diversa dalla tua e molto simile a quella dei loro amici.
E tanto più li hai seguiti e coccolati, maggiore sarà la violenza che manifesteranno per staccarsi da te.
E se li hai presi in giro, se gli hai raccontato balle, pagherai il conto con gli interessi.

Perché non c’è persona più adatta di un figlio per smontarti pezzo per pezzo, per metterti in discussione e farti rivedere tutti i tuoi bei principi.
Dobbiamo guardarci allo specchio.
Dobbiamo ricordarci la nostra di adolescenza che spesso non è nemmeno finita.
Dobbiamo trovare nuove priorità, nuove regole e nuovi approcci.
Ma soprattutto siamo noi genitori i primi a dover crescere.

Annunci

16 Comments

  1. Mi hanno sempre detto: “figli piccoli problemi piccoli, figli grandi problemi grandi”.
    Un po’ è vero, perché in effetti dai pensieri protettivi, noi genitori ci troviamo catapultati in un’altra dimensione: comportamentale, nozionistica, intellettiva, anche fisica.
    Spesso mi ritrovo inadeguato verso un figlio che mi tiene testa e, come dici tu, può smontare mamma e papà come e quando vuole.
    Ci vuola una enorme pazienza.

    Bellissima la tua frase “la nostra di adolescenza che spesso non è nemmeno finita”.
    Forse è vero.

  2. a questa frase:

    “Quella che ci si trasforma veramente in genitori, quando i figli crescono.”

    a quel…. veramente….

    non so dirti perchè ma, nella lettura, mi è suonata stonata.

    mentre tutto il resto del testo armonico per le mie “corde”…

    cioè io credo non esista un tempo ne un evento che ti trasformi in genitore se non la nascita di un figlio… tutto il resto, tutti gli altri eventi, momenti, fasi di plasmano verso una tipologia o un altra di genitore ma nessun altro momento oltre la nascita di rende veramente genitore e ovviamente non intendo in senso “burocratico” o “legale”… 🙂

  3. allora, si cresce in due anche quando è uno solo a decidere, perchè ogni decisione presa “al posto” dei nostri figli, quindi presa “per loro” implica conseguenze per entrambi e secondo me anche in quel caso la crescita è per entrambi…
    cambiano alcuni parametri, cambiano alcuni pesi, cambiano alcuni condimenti ma secondo me è ingiusto stipulare classifiche.. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...