Cartolina da Bologna

Siamo in un paradiso terrestre, seduti al tavolino in mezzo alla via, proprio vicino al palco, con una birra fresca, il vento caldo e la musica tutt’intorno. Si ma non una musica qualsiasi, sto parlando dei nostri sacri della Doctor Dixie Jazz Band. Esperienza, storia ed energia allo stato puro, alimentate da dieci elementi:

CHECCO CONIGLIO – trombone (lo stesso che giocava a tennis con papà…)
FRANCO FRANCHINI – piano
ANDREA ZUCCHI – sax
LUCA SODDU – sax
ANDREA SCORZONI – sax
GUIDO GUIDOBONI – tromba
MICHAEL HARDING – batteria
STEFANO DONVITO – basso
ANGELA SETTE – voce
VALENTINA MATTAROZZI – voce

Dalla mia posizione meravigliosa posso scrutare la scaletta dei brani, le frasi tra i musicisti, le movenze sugli strumenti con la mia solita curiosità…

La strada piena, trasformata in un salotto a cielo aperto in un rettangolo di Via Mascarella, dentro un atmosfera surreale. Vedo, ascolto e respiro così tanta bellezza che mi sento come dentro una cartolina di Bologna.

La scaletta
Angela Sette – Valentina Mattarozzi
Doctor Dixie Jazz Band
Il salotto di Via Mascarella
Franco Franchini
Stefano Donvito

DENTRO ALL’ALTROVE MUSICALE

Stamattina non ho resistito quando per l’ennesima volta sono passata davanti alla porticina aperta, in un altra dimensione, attirata dalla luce e dalla penombra. Così sono entrata, nella speranza di essere sola per cercare sollievo. Ho trovato un dono inaspettato: la musica…mi sono seduta nella prima panca ed è stato come parlarci. Senza preghiere ma dentro all’altro musicale.
#altrovemusicale #parlarci #sollievo #dono #zuccazoe #chiesadeiservi

Una ragazza dello Zecchino d’Oro

La storia del film “I ragazzi dello Zecchino d’Oro” ne racchiude tante, tra cui una, minuscola, striminzita, gioiosa e sofferta: la mia.

Quando scopro dalla Fondazione Mariele Ventre che gireranno il film, farei di tutto per  documentarlo nel sito di Testimonianze Musicali, che tratta proprio la storia dell’Antoniano! Pagherei oro per starmene immobile e muta in un angolo a guardare, fare foto, prendere appunti e scoprire come realizzano la storia che sento anche mia. Ma nessuno mi ascolta. Mi sento incompresa ma non ho nessun titolo per far parte di un lavoro cinematografico…nessun ruolo…non sono una giornalista ma una semplice blogger che resta appesa al suo filo molto sottile della scrittura amatoriale e una malinconica corista avvinghiata alle radici dell’infanzia.

Continua a leggere

Credevo fossero solo canzonette!

Nella pausa pranzo corro a visitare la mostra “NOI…NON SONO SOLO CANZONETTE” a Palazzo Belloni fino al 12 aprile. All’ingresso mi accoglie il personale molto gentile, che mi consegna un accredito stampa (che fierezza…)
Appena entro noto gli oggetti tecnologici del passato sparsi per le sale, quelli che mi riportano all’infanzia e ai tanti posti dove sono stati appoggiati.

Ormai questo “senso di nostalgia” ho capito che fa parte del mio modo di essere e non lo rinnego più. Mi ci lascio cullare mentre percorro le sale della mostra. Osservo le foto, ci entro dentro leggendo le didascalie e mi accorgo di quante cose non so, non conosco, non ho mai approfondito mentre un video mi scuote, con la voce del cronista tragica, seria, profondamente angosciante. In questo tono della voce mi accorgo di come cambi l’umanità, sempre più abituata

alle disgrazie, esposte da voci televisive e radiofoniche sempre più “disumanizzate”. Anche la voce è musica e mi stupisco di quante riflessioni possano concentrarsi dopo pochi metri dentro una mostra. Ci sono foto meravigliose, altre conosciute ma riviste con occhi da adulta. Quel sedere con il jeans cortissimo ha tappezzato metri di muri con i cartelloni pubblicitari e chissà quanti adesivi appiccicati nelle camerette, sulle automobili e chissà dove. Giro sola nella penombra, leggo a fatica le diciture e m’illumino dalle luci della disco music quando incrocio il poster della febbre del sabato sera. John col suo collo a punta e la faccia da schiaffi mi guarda e sembra dirmi: “Eccomi, ci sono anch’io” ricordandomi quanto sia stato presente in casa mia in quegli anni.
Molta musica e zero politica.

Finalmente trovo la canzone che cercavo proprio nella sezione “MUSICA RIBELLE” che fotografo e filmo. Trovare un brano dello Zecchino d’Oro all’interno di una mostra, mi rende contenta perché spiega il senso di un testo che va al di là della canzoncina orecchiabile. Racconta la formula che ha inventato lo Zecchino d’Oro di comunicare concetti intelligenti ai bambini con le parole adatte.

E mentre trovo le canzoni “I figli delle stelle” e “Splendido splendente” rimango a bocca aperta nella scoperta del loro significato…credevo fossero solo canzonette!
Visitando il resto della mostra, incrocio visi noti, percorro lotte femministe, rivoluzioni, conquiste che hanno coinvolto chissà quante persone con le loro storie, il loro vissuto, il loro credo. Confesso che sono scombussolata, come se avessi fatto un giro su una macchina del tempo dove la mia testa ha viaggiato alla velocità della luce.

La Storia – Concerto a Montefiore Conca

Ritrovo alle 9.15 all’Antoniano per partire alle 9.30 capitanati da Rosario, il nostro fedele autista. Trovare parcheggio è impossibile perché c’è la messa ma pian piano arriviamo tutti, con le nostre divise avvolte nelle custodie. Saliamo sul pullman mentre Luciana, vispa come un grillo, corre ad occupare un posto macchina a Laura, mamma di Simona, che ha parcheggiato sulle strisce gialle…

Ci siamo tutti mentre l’appello scandisce i presenti, con noi, anche Maria Antonietta, instancabile viaggiatrice. Inizia il viaggio con Continua a leggere

Abbiamo cantato per l’imperatrice d’Austria!

Arrivo con largo anticipo alla casa di accoglienza BEATA VERGINE DELLE GRAZIE, per il solito timore di ingarbugliarmi tra le vie di Bologna. Trovo un’insegna enorme sul muro della casa e da un’auto sbuca Alfredo, il nostro “addetto stampa” e subito dopo Simonetta, sua moglie tra abbracci e feste. Più avanti c’è già anche Lorella con la sua calma serafica. Suoniamo il campanello. Tiro, entriamo. L’atrio è deserto, così cerco qualcuno. Trovo una signora in un ufficio che mi accoglie con gentilezza e dopo uno scambio di formalità, ci ritroviamo sedute nel piazzale dove le racconto di noi, Vecchioni di Mariele e lei mi racconta un pezzetto di sé, la vice direttrice. Quando capisco che sa poco o niente, mi entusiasmo ancora di più, incuriosendola. In pochi minuti troviamo la frequenza giusta per sintonizzarci, nella debolezza di una sigaretta condivisa.

Anche se sono solo le 16 riusciamo a raggiungere un numero di coristi sufficiente per riuscire a fare un concerto. Quindi arriva Renata, che ha voluto fortemente questo incontro, poi Luciana, la direttrice (che ha già fatto il giro di chissà quante stanze) e Paolo, l’unico uomo SEMPRE PRESENTE (però beato tra le donne!) Angelina, Antonella con Marta, Sissi con la mamma, mia sorella Barbara, Claudia, Paola e via via. Luciana e Alfredo sembrano dello staff medico mentre posano per uno scatto!

Continua a leggere

Viaggio per il mondo in Via Bentivogli

Mi sento leggera come una piuma nonostante il caldo, svolazzante come la gioia che indosso ogni volta che mi aspetta un concerto. Parcheggio e m’incammino verso Via Bentivogli con la mia borsa di juta che nasconde Topo Gigio, la nostra simpatica mascotte. Attraverso, m’infilo nella via e cambiano i rumori: dal traffico delle auto a quello di pentole, tamburi, suoni accoglienti. Guardo frettolosamente le bancarelle tutte diverse, nei colori e negli odori e sto viaggiando il mondo, infatti mi trovo alla festa multietnica della Cirenaica, la nona, intitolata: “Indovina chi viene a pranzo” invitati da Roberto Morgantini. Raggiungo il bar Jolly e trovo subito Valerio con un look decisamente sopra le righe! Mi presenta “il tecnico” che Continua a leggere