ATTRAVERSO IL PAESAGGIO SILENZIOSO

Mi sono alzata presto per ritrovare quel paesaggio silenzioso che ogni tanto attraverso, sola, in estate.

Prima il mare con il tappeto di sassi…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il luna park addormentato…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il molo con qualche pescatore e la torre del bagnino…

Questo slideshow richiede JavaScript.

La casetta scrostata di “Tittincubo”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo spazzino, gli sdrai in fila, la passeggiata vuota…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le bandiere, la rotonda e la rosa dei venti

Questo slideshow richiede JavaScript.

Infine due sculture…poi ho sentito dei goccioloni e sono tornata indietro…

Questo slideshow richiede JavaScript.

UNA FORMA DEFORME

Il posto era perfetto: sole, mare, spiaggia a pochi metri, casa rimessa a nuovo, amici vicini. Da mesi cullavo l’idea di una parentesi inconsueta dove riuscire a ritrovare altre parti di me stessa, dove trascorrere tempo con mio marito, dove poter far vivere nuove esperienze ai miei figli. Ma, ma. Non eravamo soli e le dinamiche familiari hanno preso una forma deforme. Quindi eccoci a casa con l’orgoglio ferito e l’umore a terra. La convivenza con mio suocero non ha funzionato. Peccato perché le prerogative erano tutte positive. Alla fine il denaro vince su ogni cosa ma non per tutti…

IL VIAGGIO NEL SIGNIFICATO

All’incirca un anno fa, grazie a Ginetta Maria Fino è iniziato il viaggio attraverso la mia storia che ho depositato all’Archivio dei Diari:
https://zuccazoe.com/2016/08/10/otto-2/#more-14610
La mia infanzia, il mio coro, la mia
Mariele e tutte le esperienze che mi hanno formata. Mi sono specchiata nella mia vita poi l’immagine è uscita dallo specchio, mi ha preso per mano e mi ha portata fin qui. E consiglio a chiunque questo viaggio nell’incuriosirsi di sè, a tratti doloroso, ma necessario per una vita significativa.

LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA

Giovedì mattino era nuvolo ma avevamo qualche ora libera prima delle prove del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna, al Festival di Sanremo. Dalla finestra di Villa San Giuseppe si vedeva la spiaggia ed è stato naturale volerla raggiungere… così, dopo una bomba alla crema siamo usciti nel fruscio delle palme.
La passeggiata del lungomare di San Bartolomeo al Mare era piena di alberi e quasi deserta.
Abbiamo camminato in silenzio Continua a leggere

ANDATA

Il viaggio di ieri è filato liscio tranne una scenata all’autogrill per un pacco gigante di caramelle, sotto gli sguardi interrogativi delle persone intorno e il mio arrovellamento. Quasi sei ore di pullman e arrivo in albergo alla sera con cena alle 21 passate.Noi tre siamo finiti in un tavolo soli perché nessuno dei bimbi aveva gli amici preferiti nello stesso albergo. Perché alla fine i gruppi e le preferenze sono inevitabili.. certo siamo in “un coro” ma “di bambini” con le loro simpatie e i loro umori volubili.

Stasera il pigiama party è stato vietato così anche se mia figlia aveva già organizzato tutto, abbiamo raggiunto la camera e guardato un po’ di Sanremo (un bel po’…).

Stanchi e ognuno con i suoi pensieri ci siamo addormentati in un nuovo letto con il vento che sbatteva le palme.