Nel mondo di Carla

Era da settembre scorso che avevamo promesso di rivederci e giovedì pomeriggio mi sono decisa. Ho preso la direzione di Modena pregando che il navigatore non mi abbandonasse per raggiungere il mondo di Carla: un appartamento luminoso al sesto piano di un palazzo nel modenese.Appena riviste, Carla mi ha accolta come se non avesse più tempo da perdere con le diffidenze. Stavolta ha abbandonato i convenevoli accogliendomi in cucina che è la stanza che preferisce. Sul tavolo le tazzine per il caffè pronte e una carpetta gonfia d’arte, la sua arte, quella di Carla Cortesi.Ma stavolta le ho portato dei regali per gratificarla del suo Arcibaldo che capeggia su tutti gli inviti e le locandine del Docu-Concerto.

Quindi le ho consegnato il materiale stampato finora, occupando tutto il tavolo con la locandina 70×100 e quasi con vergogna, un album con una ventina di foto stampate in un bel formato che la ritraevano in vari momenti della sua carriera all”Antoniano. Lei con un disegno sottobraccio, lei seduta in una delle sue scenografie, lei accanto a una bambina, lei con quello sguardo fiero che le ho restituito insieme alla vivezza di quei momenti. Perché molte volte le persone hanno bisogno di rivedere che cos’hanno realizzato, chi erano e che cosa rappresentavano…ed ero talmente presa dal suo coinvolgimento che non ho realizzato nessuna intervista nè nessuna delle foto che poi mi sono venute in mente al ritorno! E dalla carpettina di cartone usciva tutto il suo mondo fatto di disegni, depliant, biglietti natalizi e i suoi primi capolavori di quando lavorava ancora per Paul Campani.

Nemmeno io sapevo chi fosse fino a che non sono andata a cercarmelo per poi scoprire ancora quali e quanti artisti hanno collaborato con l’Antoniano…Carla Cortesi non è certo una disegnatrice qualsiasi! E mi ha raccontato di quel biglietto

sul campanile dell’Antoniano che le aveva chiesto Padre Berardo, facendomi vedere il prima e il dopo, alcune copertine dei dischi,

i pagliacci della Plasmon, il pieghevole delle nozze d’argento di Fra Gabriele e una varietà di arte smisurata. E intanto mi raccontava gli episodi legati ad ogni lavoro: “Questa è la tigella per Montorso ma la parte gialla copre troppo la chiesa e la fontana di Mariele è dal lato opposto”…e proprio guardando quel disegno ho riconosciuto la chiesa

dove canteremo a giugno, con i Vecchioni di Mariele, in ricordo a Padre Berardo. Così l’ho invitata Carla per quel giorno e stavolta ha accantonato il suo imbarazzo per il tempo che è passato su di lei e poco dopo mi ha chiesto di aspettare. Ci siamo spostate in sala dove ha steso sul tavolo tondo un abito per quel giorno. Mi ha chiesto: “Dici che sia adatto?” mentre io mi sentivo contenta. Ma anche stavolta il tempo è volato, come tutte le volte in cui si crede d’ingannarlo tornando indietro…e Carla mi ha accompagnata fino al portone lasciandomi molto di più di quello che le ho dato…

Annunci

Stavolta non solo per noi…

photo_2019-02-19_22-40-42.jpg

Quando si organizza un evento è veramente difficile prevederne le presenze. Anche le prenotazioni possono trasformarsi in posti vuoti, così come le promesse via messaggio, mail, telefonata. Ma l’incognita fa parte dell’adrenalina da attesa.

Appuntamento alle 17.30 con Luciana, in perfetto orario. Entriamo nello splendido oratorio San Filippo Neri, scorgo l’organizzatore e scorro velocemente i nomi attaccati alle poltroncine mentre mi dico che sta per accadere di nuovo, che non è solo un sogno infantile. Anche oggi si realizzerà il Docu-Concerto “ZUM ZUM ZUM Zumando dal Piccolo Coro ai Vecchioni di Mariele” ideato e realizzato da Testimonianze Musicali con il coro Vecchioni di Mariele.
Saluto il tecnico e poco dopo Continua a leggere

ZUM ZUM ZUM un viaggio faticoso ma sempre più bello

Foto di Simona Camosci

Ogni volta la stessa storia, il senso di smarrimento che mi assale quando devo trovare un posto. Nonostante ci sia già stata, nonostante le indicazioni, nonostante il navigatore. Finalmente ho capito che si tratta di paura allo stato puro che da qualche parte deve pur attecchire! Quindi, domenica, arriva puntuale come un orologio svizzero proprio mentre devo raggiungere il meraviglioso Palazzo Sassatelli dove si svolgerà il Docu-Concerto ZUM ZUM ZUM. Cerco di contenerla mentre spaesata cerco un qualsiasi punto di riferimento che non trovo fino a quando mio marito mi ci porta davanti e vedo, sollevata la locandina dell’evento.

Oggi è una giornata meravigliosa e con mia mamma commento che nel sole c’è papà, così come successe il 2 dicembre, per il primo Docu-Concerto. Raggiunto l’ingresso, Continua a leggere

La fame di tutti

Sabato 22 dicembre. A mezzogiorno in punto esco dal negozio per raggiungere la Basilica dei Servi in pochi minuti. Sotto al portico corro alternando respiri profondi. Ormai ho fatto pace con l’agitazione che arriva puntuale ogni volta che tengo particolarmente a qualcosa. Tac, tac, tac, fiuuuu, fiuuu, fiuuu, tac, tac, tac, fiuuu, fiuuu, fiuuu.

Accaldata arrivo al portone e appena oltrepasso la soglia respiro un’atmosfera surreale: all’ingresso ci sono tanti tavoli apparecchiati che rendono la chiesa viva delle parole che la riempiono. Una ad una le preghiere diventano forchette, sorrisi, profumo di cibo. Mi sento subito a casa e con la mia solita vena malinconica ritorno piccina, nella mensa dell’Antoniano, quando facevamo piccoli concerti Continua a leggere

Siamo tutti accesi

Alle 20 il corridoio della scuola é ancora pieno dei bambini e genitori del Piccolo Coro che si salutano frettolosamente scambiandosi gli auguri. Dopo un quarto d’ora sono sola ad aspettare “gli altri bambini: i Vecchioni di Mariele”. Nel silenzio gusto l’attesa. All’improvviso spunta “la Peppina”, Simonetta, con un cabaret di squisitezze, poi Claudia, la corista più recente e via via le sorelle Boriani, i fratelli Rubini, le sorelle Kuhn… ora la scuola é piena di bimbi cresciuti (o sperduti?!) che scherzano e ridono attorno a un tavolo pieno di leccornie. Senza metterci d’accordo é saltata fuori Continua a leggere

Come una piccola carovana viaggiante

15 dicembre 2018-10-08

Il primo Cantanatale al quale ho partecipato risale almeno a 15 anni fa.
Padre Berardo, ideatore di questo “spettacolo” pre natalizio, che veniva rappresentato nella Chiesa della Santissima Annunziata di Parma, dove era stato trasferito, telefonò a Carla e a Betta chiedendo se potevano radunare un piccolo gruppo di ex coristi del Piccolo Coro per cantare qualche brano di quelli storici imparati con Mariele.
I “Vecchioni” inteso come gruppo canoro, ancora non esisteva, ma, sarà per il “carisma” di Padre Berardo Continua a leggere