LA MATRIOSKA VUOTA

Mi cade l’occhio sulla donna di fronte che si accarezza il pancione stesa sullo sdraio, all’ombra di una tela rigata e un libro.
La invidio perché per me quello è stato il periodo più bello della mia vita.
Mi sentivo parte di qualcosa di superiore, di miracoloso, di divino come “custodire e crescere una vita“. Per cui era sufficiente occuparsi della propria salute, sapendo di farlo per due. E non avere quell’ansia del FARE, dell’ESSERE, del REALIZZARE. Infatti, già ogni singolo giorno era tutto ciò. Il cibo che si mangiava, l’aria che si respirava, il sonno che si dormiva, i passi che si camminavano.
Tutto così semplice ma così grande, superiore ai miseri sogni umani mai sazi.
In quello stato mi sentivo come un meraviglioso recipiente di vita…

VALIGIE VUOTE

Appena si affacciano le vacanze mi prende una strana tristezza, una specie di resa dei conti, quella che generalmente le persone fanno a fine anno. Mi preparo a cambiare ritmi e aria ma fatico a gioirne perché non c’è cosa più grigia della mancanza di prospettive. Perché le vacanze dovrebbero servire a ricaricarsi per un nuovo anno di lavoro e progetti ma per una come me che, prima di diventare madre, lavorava con anima e corpo, il senso di vuoto incombe. Quell’ansia che diventa insopportabile…il tempo che avanza mentre la mia creatività preme, spinge e diventa fastidiosa soprattutto quando prende il sopravvento inutilmente. E almeno ne parlo, ne scrivo, mi sfogo, chiedo aiuto perché é il solo modo per stare meglio.

MENTRE ASPETTO

Capita, come stasera, che lo guardi nel sonno. Entro in camera nella luce fioca, mi avvicinò e lo bacio delicatamente. E lui muove le mani in una specie di movimento riflesso come quello dei neonati. Anche di notte é piccolo. E sono tante le persone che me lo ripetono come se fosse un difetto, come se la crescita debba essere uguale per tutti, come se dipendesse da lui. E io ascolto, sospiro, a volte sorrido, altre piango mentre aspetto.

giphy