Sfumature di parole

La differenza è abissale…tra dire:
Essere IN casa ed essere A casa…
Le parole sono importanti ma ancora di più le sfumature…

Annunci

Stavolta non solo per noi…

photo_2019-02-19_22-40-42.jpg

Quando si organizza un evento è veramente difficile prevederne le presenze. Anche le prenotazioni possono trasformarsi in posti vuoti, così come le promesse via messaggio, mail, telefonata. Ma l’incognita fa parte dell’adrenalina da attesa.

Appuntamento alle 17.30 con Luciana, in perfetto orario. Entriamo nello splendido oratorio San Filippo Neri, scorgo l’organizzatore e scorro velocemente i nomi attaccati alle poltroncine mentre mi dico che sta per accadere di nuovo, che non è solo un sogno infantile. Anche oggi si realizzerà il Docu-Concerto “ZUM ZUM ZUM Zumando dal Piccolo Coro ai Vecchioni di Mariele” ideato e realizzato da Testimonianze Musicali con il coro Vecchioni di Mariele.
Saluto il tecnico e poco dopo Continua a leggere

Striscioline di mancanza

Quando ti ho fatto leggere il mio diario, me l’hai reso con delle striscioline sottilissime di post colorati. Ognuna era un appunto per qualcosa d’inesatto o nella forma o nel concetto. Alcuni mi sono stati d’aiuto, altri mi hanno infastidita perché non c’è cosa peggiore della censura altrui. Se l’avevo scritto significava che volevo dirlo.

Ieri pomeriggio ero nell’ufficio di una persona a spiegare il mio percorso e quando ha aperto il diario, ho rivisto le striscioline colorate: alcune accartocciate, altre ritte e mi ha preso una mancanza enorme.

Ma tu eri con me.

Un nuovo importante punto di riferimento

Le cose belle richiedono fatica. Proprio vero, anche se la mia impazienza di realizzarle spesso sgomita. Finalmente ho realizzato un sogno, anzi un qualcosa che nemmeno avevo sognato ma che timidamente prendeva forma. Nel frattempo sono successe tante cose che mi hanno fatto pensare, crescere, ridimensionare, soffrire ma anche gioire. Perché poi faccio tanto la dura ma in realtà ci rimango male quando qualcuno non é contento. L’altra sera però ho catturato delle sensazioni per tenermele strette. Qualcuno mi ha raccontato di sentirsi “sollevato” dopo aver trasformato il nostro gruppo in “un’amalgama”; un’altra si é chinata alla mia altezza e guardandomi negli occhi mi ha rincuorata con parole di tenerezza e di ragionamento; qualcuno mi ha fatto i complimenti per come ho parlato, quando in realtà dalle mie frasi traspariva rabbia…e poi un bacio sulla testa, una strizzata d’occhio, un’amica che filmava, un uomo che solo ad averlo seduto vicino incute protezione. Ma non solo, ognuno a suo modo mi ha dato tutto quello di cui avevo bisogno: amicizia, fiducia, forza e gioia.

Il nostro non é un gruppo qualunque ma un nuovo importante punto di riferimento.

ZUM ZUM ZUM un viaggio faticoso ma sempre più bello

Foto di Simona Camosci

Ogni volta la stessa storia, il senso di smarrimento che mi assale quando devo trovare un posto. Nonostante ci sia già stata, nonostante le indicazioni, nonostante il navigatore. Finalmente ho capito che si tratta di paura allo stato puro che da qualche parte deve pur attecchire! Quindi, domenica, arriva puntuale come un orologio svizzero proprio mentre devo raggiungere il meraviglioso Palazzo Sassatelli dove si svolgerà il Docu-Concerto ZUM ZUM ZUM. Cerco di contenerla mentre spaesata cerco un qualsiasi punto di riferimento che non trovo fino a quando mio marito mi ci porta davanti e vedo, sollevata la locandina dell’evento.

Oggi è una giornata meravigliosa e con mia mamma commento che nel sole c’è papà, così come successe il 2 dicembre, per il primo Docu-Concerto. Raggiunto l’ingresso, Continua a leggere

E vissero per sempre felici e contenti

Come in tutte le favole che si rispettino, esistono anche i “cattivi”. In genere s’incontrano e si sconfiggono perché le favole devono avere sempre un lieto fine. Ma per farlo ci sono spesso degli alleati o degli espedienti particolari.  Lo stesso accade nelle “favole vere” in cui prima o poi si presentano dei problemi, degli ostacoli, delle differenze che incrinano l’atmosfera, l’incantesimo. E la vera favola sta proprio nel cambiamento, non degli altri ma di noi stessi.

Un principe, un cane, una coppia da favola e un castello

Nella favola vera del coro dei Vecchioni di Mariele, esiste una storia incredibile!
Lei è Cristina, lui Massimo, ex coristi del Piccolo Coro per tanti anni. Oggi sono una famiglia e insieme ripercorrono la loro infanzia cantando nel nostro coro di cui fanno parte.

Ieri ci hanno regalato una sera da sogno ospitandoci nella loro casa/castello. A grappoli arrivavamo mentre Cristina oltre ad accoglierci filmava! Tra gli invitati due sorprese stupende: altri due ex coristi “storici” che prima o poi dovranno entrare nei Vecchioni di Mariele…
Ma uno di loro era proprio “il principe Carlo” che Continua a leggere