Erano tanti, tutti allineati e piazzati nella sabbia di Cervia, in mezzo al vento.

Mancava il silenzio per poter ascoltare il loro suono ma la loro forma era musica per gli occhi.