LA MUSICA IN SERIE B

Ogni anno mi stupisco. Si respira un’aria carica di eccitazione. Al saggio scolastico annuale, osservo frotte di genitori che ammirano i loro figli semplicemente perché sono su un palcoscenico. Però poi, usciti dallo spettacolo, ci si dimentica tutto e materie come musica vengono considerate dalla maggior parte di serie B. Come se fosse un qualcosa in più, come se ne potesse fare a meno. E allora ci si dovrebbe fermare a pensare per capire che anche la musica è un nutrimento di cui l’essere umano ha bisogno. Perché già dal battito del cuore nel ventre della mamma, siamo tutti accompagnati dalla musica…

GLI STUDENTI COME STAMPINI

Prima di dormire nella penombra dove si ragiona meglio, gli ho chiesto, come vorresti la scuola?

Le sue risposte sono state:
“Mi piacerebbe che non dividessero gli amici perché chiacchierano , perché se uno è felice impara meglio.
Vorrei che insegnassero lasciando sbagliare.
Dovrebbero dare una seconda possibilità e non subito una nota.
Vorrei che ridessero e scherzassero un po’ anche se certi professori già lo fanno.
Dovrebbero avere pazienza quando uno non capisce e spiegare un’altra volta.
Le verifiche dovrebbero esser fatte come se fossero un divertimento.
Dovrebbero far fare qualcosa di creativo come disegnare perché stimola la fantasia.”

E io che mi aspettavo risposte tipo: meno giorni di scuola, intervalli più lunghi e sparizione dei compiti….

Cari Dirigenti, Professori, Educatori, Insegnanti è ora di smetterla di trattare gli studenti come stampini…

Credits e thanks To: https://www.neste.com/preorderthefuture/

Prima media e molti centimetri in meno rispetto ai compagni.
Ma ognuno ha i suoi problemi, si sa, le sue differenze da superare.
Anche mia figlia non è mai stata alta ma, dalla sua, ha sempre avuto una forte autostima o forse, semplicemente un forte orgoglio che mi ha spesso tenuta alla larga dalle sue questioni. Fratello e sorella, diversi, come dev’essere e di conseguenza il modo di trattarli.
Lei, dal secondo giorno di scuola non vedeva l’ora di andarci da sola, lui ha paura di esser portato via. Quindi hanno fatto il viaggio insieme per qualche volta ma l’incantesimo si è rotto in fretta.

fratelli

Volendo non avrei nessun problema ad accompagnarlo in macchina come ho sempre fatto ma Continua a leggere

A SCUOLA SENZA I COMPITI

Ecco, ha costruito un’ altra delle sue invenzioni: una torre bellissima.
Ogni volta prende spunti: da un cartone, un videogioco, un fumetto. Li prende e li trasforma.

torre

E vedo crescere la sua creatività ma lenta la crescita che richiede la scuola.

Perché spesso si dimentica un libro o un quaderno, con motivazioni sempre diverse.
Ed io mi domando come si fa a stare dentro al mondo reale senza lasciare quello fantasioso perché forse su tutti e due non ci si riesce a stare. Continua a leggere