La cosa peggiore dell’adolescenza non è come diventano i figli ma di come sono diventata io. Convivo con la paura di sbagliare in qualsiasi modo faccia e il morbido materasso imbottito di ricordi, diventa un tappeto ruvido svuotato da ogni certezza. Mi guardo intorno e mi sento sola, tremendamente sola perché molti genitori non dicono, abbozzano, fingono che vada tutto bene o forse per loro è proprio così. E allora mi sento ancora più Continua a leggere