I libri non sono solo pagine da leggere.
Qualche volta possono essere “calmanti naturali”.
Questo me l’ha insegnato la toscana, che lei di libri se ne intende!
Ieri per casualità tutt’e due abbiamo trovato un pezzetto della nostra infanzia.

Io quel libro lo cercavo da anni perché da piccola era il mio preferito ( non che ne avessi poi tanti…,).
L’avevo vinto con un piccolo concorso di disegno organizzato da un ‘Omnia di Bologna della fine degli anni settanta.
Non ricordavo il titolo e tutte le volte che cercavo dei libri per gli zucchetti, buttavo l’occhio nella sezione di Natale perché parlava proprio di Babbo. Poi poco tempo fa, per caso, ho visto su internet un disegno che me lo ricordava e da lí sono riuscita a risalire all’autore e al titolo. Trovati i dati necessari, ho scoperto che era fuori catalogo.
Ma ieri quel libro era proprio bello ritto in mostra in un banchetto delle bancarelle del centro.
Nuovo, incellophanato che mi stava aspettando. Mio!

Poche file a seguire, la mia amica ha trovato un libro che aveva rovinato, lo stesso che lega la nostra conoscenza…

Abbiamo preso i tasselli del nostro disegno e ce ne siamo andate felici.