EDUCAZIONE EPISTOLARE

Mi piace la scrittura come forma di comunicazione.
È una forma che contiene le parole in modo diverso.
Fa parlare la parte dell’anima.
Mi piace trasmettere questo piacere ai miei figli, così come mia madre fece quando ero ragazzina.
Ogni tanto ci scambiavamo delle piccole lettere che dicevano molto di più delle parole a voce.
Conservo gelosamente quelle di mio marito e di un’amica dell’adolescenza.

Ai miei bimbi infilo piccoli biglietti nella merenda e colgo molte occasioni per spronarli a scrivere.
Loro spesso le raccolgono.
Per ogni compleanno disegnano e scrivono auguri.
Zucchetto riesce ad emozionarmi con una sola riga.

L’altro giorno, stavo sistemando i vestiti per il cambio stagione.
Zucchetta mi ha offerto la sua compagnia chiedendo di curiosare in un bauletto delle gioie.
Ha iniziato ad esplorarlo in ogni angolo fino a che ha trovato una scatolina contenente una collana con due ciondoli: uno a forma di lettera, l’altro a scarpetta da ballo.
Dopo una tempesta di domande mi sono arresa e le ho confessato che era sua. Una mia grande amica, la stessa delle lettere, gliel’aveva regalata per il battesimo ed io gliel’avevo conservata per dargliela nel momento giusto.
Quel momento era arrivato e Zucchetta è stata contentissima di poterla indossare.
Così ha deciso di scriverle un biglietto di ringraziamento allegando anche una sua foto con la collana appena scoperta.
Ha preparato la busta ed il mattino seguente l’abbiamo spedita.

L’altro giorno invece, è morto il gatto di una compagna di Zucchetta.
Le ho proposto di farle sentire la sua vicinanza con poche righe.
All’inizio si è opposta ma il mattino seguente l’ha fatto con grande entusiasmo.

Per me è molto importante questa forma di comunicazione.
Solo il tempo potrà dire se lo sarà anche per loro.

 

20131106-224652.jpg

Ieri nella buchetta della posta, sono tornate le lettere degli “Gnagni”.
Gli Gnagni, sono dei piccoli mostri, arrivati da Fantasilandia, quattro anni fa.
Questi pupazzi sono composti a loro volta di altri elementi, nonché:
Il sig. Cuore, il sig. Intestino, il sig. Fegato, i signori Polmoni e non per ultimo d’importanza, il sig. Cervello.
Ognuno di loro ha un suo carattere e delle cose da dire.
Comunicano con gli zucchetti, attraverso lettere a cui loro rispondono.
Questo gioco mi aiuta a dirgli cose con una voce diversa.
È un piccolo spazio magico in cui loro s’infilano insieme a me.
Entrambi ci credono.
Non alla magia dei pupazzi ma alla magia del nostro gioco.

20131025-222557.jpg

20131025-222606.jpg

20131025-221916.jpg

20131025-221930.jpg

20131025-221943.jpg

20131025-221954.jpg

20131025-222005.jpg

20131025-222406.jpg

20131025-222417.jpg

 

 

GNAGNO & GNEGNINA

Gnagno: buffo, dolce ed originale

Qualche tempo fa cercavo un regalo per il compleanno di Millina che avrebbe compiuto 5 anni.
Navigando in rete ho trovato un pupazzo che faceva al caso mio: buffo, dolce ed originale.
Non era il personaggio di nessun cartone animato nè fumetto e la sua particolarità erano gli organi di peluche che si smontavano dalle zip del pupazzo.
Così mi è saltato in mente di costruirgli una piccola storia.
Ho scritto una letterina in cui “il mostro” chiedeva a Millina se l’avrebbe adottato.
Lei entusiasta ha accettato aspettando con ansia il giorno fatidico.
È arrivato in un piccolo cartone e quando l’ha aperto l’ha conquistata immediatamente.
Da quel giorno è iniziato un piccolo rito: la letterina di Gnagno ( il suo nome ).
Sporadicamente, quando ho bisogno di dirle delle cose difficili, noiose ma anche belle, nella buchetta compare la sua busta.
Gnagno è una specie di aiutante ed un piccolo rituale di gioia.
Dopo qualche tempo che Gnagno si sentiva un po’ solo e che arrivava il compleanno di Flo, l’ha raggiunto Gnegnina con le stesse mansioni!
Questo gioco prosegue da qualche anno e dopo qualche dubbio mi sono convinta che così come Babbo Natale sia un buon compagno d’infanzia, anche gli Gnagni possano esserlo.
Sogni e Fantasia dovrebbero colmare quel vuoto con cui i bimbi d’oggi sono costretti a convivere.

Gnegnina: con le stesse mansioni