SET FOTOGRAFICO DUE DELLE SPRECISE: MODELLO “EXP”

Juta, lana, zip, perline in legno e fantasia…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

SET FOTOGRAFICO UNO DELLE SPRECISE: MODELLO “SÉ”

Oggi pomeriggio tra una lavatrice e un colpo di straccio, ho improvvisato un set fotografico per “le Sprecise”. Con il solito telo di lino bianco che mi accompagna nelle varie forme di arte, ho creato lo sfondo, sul tavolo della terrazza. Eccole qui.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

 

L’ESPOSIZIONE AMBULANTE

Sabato mattina mi sono alzata presto per andare al mercato di Fano a vendere “le sprecise”, le mie invenzioni in juta.
Ho lasciato casa nel silenzio e guidato per le strade libere. Dal parcheggio alla strada del mercato c’era parecchia strada ma mi sono fatta coraggio dicendomi che camminare fa bene. Giravo con il mio standino in legno sotto il braccio che ingombrava parecchio e nell’altro Continua a leggere

IL BATTESIMO DI ZUCCA ZOE AMBULANTE

Da tempo conservavo dei sacchi di juta, come in attesa di qualcosa.
All’improvviso, mi sono messa a cucire con del filo colorato e con del filo di juta, realizzando la mia prima “borsa delle avventure” che ha segnato l’inizio.
Dalla terrazza di casa ho continuato a cucire in spiaggia.
Al mare dopo aver finito il filo di juta, mia mamma mi ha regalato dei gomitoli di lana che hanno acceso la mia creatività. Ho mescolato noia, juta, lana e ho scoperto una nuova passione.
Le persone intorno continuavano a Continua a leggere

LE SPRECISE: MODELLO CILIEGIE DI CAFFÉ

Sto continuando ad inventare borse di juta anche se non so quale sarà la loro fine. Alcune le regalo, altre le potrei vendere ma intanto muovo le mani, uso i gomitoli di mamma e creo.
Questo è un modello a secchiello, modello: “Ciliegie di caffè” dalle cuciture verdi, gialle e rosse e col manico in juta.
Lo spunto me l’ha dato mia figlia, regalandomi una sacca che non usa più e che comprammo insieme in un mercatino etnico. Credo che a suo modo volesse darmi un consiglio…
Non so cosa effettivamente ne farò di tutte queste borse ma qualche ideuccia ce l’avrei…
Comunque credo che si debbano chiamare “Le Sprecise” perchè ognuna è diversa, sperimentale, asimmetrica, insomma, artigianale ma dalle mani di una dilettante!