LEGAMI DI LEGO

Ieri mattina Zucchetta era ancora a casa da scuola con l’ultimo residuo di male alla gola.

In camera sua, dopo essersi piazzata sul tappeto, ha tirato fuori tutte le scatole di LEGO e ha iniziato il suo lavoro.
Dalla porta sentivo scarabattolare, con quel rumore unico dei LEGO.
E’ rimasta in camera per ore, in compagnia della radio.

1 copia


Nel pomeriggio ha ingrandito la società edile coinvolgendo il fratello.
Dalla porta sentivo la loro complicità, quell’atmosfera così rara tra loro.
E poi dopo tanto fare mi hanno chiamata perché potessi vedere quello che avevano realizzato.

Ho ammirato una città con tutto ciò che, secondo Zucchetta, ci doveva essere:

un paio di abitazioni, il parco, l’edicola, la polizia, lo studio medico, la banca, il bar.

E vedere quello che possono creare mi riempie di gioia.

Annunci

5 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...