AL COLOSSEO

Questo slideshow richiede JavaScript.

NELLA STORIA

Il Colosseo è stato costruito in meno di dieci anni con una capienza di 60000 persone.

L’inaugurazione durò 100 giorni di giochi e spettacoli in cui vennero uccise 5000 bestie feroci.

E’ stato il teatro di trionfi e vittorie per gli imperatori, di tortura e sofferenza per gli sconfitti e per chi si opponeva all’impero.

Qui si svolgevano i combattimenti fra gladiatori, le caccie con animali feroci e le esecuzioni.

Inaugurato nel 80 d. C, è con Vespasiano che s’inizia a realizzare il sogno di ogni imperatore romano: lasciare una traccia eterna di sé.

Fulcro dello spettacolo per i romani che cercavano pane e gioco (panem et circences).

Era cosparso di sabbia (arena) a causa di sangue e sudore che avrebbero reso il pavimento impraticabile.

Nei sotterranei c’erano dei montacarichi e delle carrucole di legno che azionavano degli ascensori (nascosti da botole nell’arena), permettevano di far comparire improvvisamente animali e scenografie studiate per stupire il pubblico. Gli spettacoli venivano inscenati con delle coreografie.

Inizialmente non esistevano sotterranei ma vi era un enorme bacino d’acqua per ospitare le neomachie, vere e proprie battaglie navali.

Vi avevano fatto entrare cavalli, tori e altri animali addomesticati a cui era stato insegnato a comportarsi nell’acqua come sulla terra.

NELLA MIA STORIA

Appena arrivata davanti al Colosseo ho avuto un sussulto. Perché, per quanto si possa immaginare la sua grandezza da foto e filmati, dal vivo l’effetto è disarmante.

In una giornata di sole caldo poi, la sensazione di bellezza aumenta.

Una volta entrati, abbiamo avuto la brillante idea di noleggiare una video guida che ci ha spiegato in modo semplice e chiaro la sua storia.

Ma ciò che più mi ha stupita era la percorribilità del Colosseo e la possibilità di toccarli quei muri così antichi e preziosi. Tutti quei turisti stravaccati oltre le corde, li avrei fatti alzare con degli insulti, irrispettosi di una simile bellezza.

Ho scoperto che la storia che ho tanto odiato da bambina, era ritornata per farmi capire tante cose.

Sono stata proprio contenta di esserci stata e di averlo fatto conoscere ai miei figli.

 

 

 

 

5 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...