IL CECE

Proprio oggi che avrei buttato tutto al vento…
Stasera, appena uscita dal lavoro, mentre camminavo, ho visto il cantante.
Aveva la barba incolta e stava seduto su uno sgabello, nella penombra del bar a fianco ma io l’ho riconosciuto.
E per quei dieci secondi, il cervello ha iniziato a sputare idee stupide del tipo: “Cerchi una corista? Hai una particina? Puoi sentire come canto?…”
Mentre pensavo continuavo a camminare e mi dicevo che qualcosa gli avrei potuto dire.
Ma poi ho invertito i ruoli e mi sono immaginata la noia di tutte le persone che cercano qualcosa da lui: una foto, un autografo, una proiezione di un mito costruito tra le note delle sue canzoni.
Poi quel senso di piccolezza e ridicolaggine.
Ho pensato ai suoi studi al conservatorio, al suo coraggio a formare un gruppo, alla sua gavetta.
Ed io?
Niente di tutto questo ma solo questa voce insistente che si è stancata di rimanere chiusa in un cassetto.

20140320-231613.jpg

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...