Stanotte dormivo profondamente nel letto matrimoniale. Nel letto a fianco mio figlio, nel letto in fondo mia figlia. La tapparella era con tutti i buchini aperti per far passare aria. Nel profondo della notte ho sentito un’onda che attraversava il letto, così profonda da svegliarmi di scatto e farmi connettere in pochi attimi con la realtà: Continua a leggere