L’altro giorno Zucchetto ha giocato a calcio nello spiazzo sulla spiaggia: una gettata di cemento rosso liscio.Alla sera gli è esplosa una vescica molto grande poiché era scalzo.
Dal male non riusciva a camminare e strisciava la gamba in un modo strano.

Dovendo fare un pezzetto a piedi dalla spiaggia a casa, Zucco ha avuto una delle sue brillanti idee…
Dopo avergli tolto le ciabatte, l’ha preso in spalla e si è trasformato in una specie di robot.
Gli ha afferrato i piedi e muovendosi a scatti, mimando un rumore metallico, l’ha fatto divertire fino a casa.

Mi è piaciuto come ha saputo trasformare una piccola cosa fastidiosa in un gioco divertente.

 

Robot

IL REGALO DELLA CICATRICE

Luglio 1985.
Quella fu un’estate indimenticabile.
Causa forza maggiore di un trasloco, i miei mi lasciarono in vacanza a Viareggio da mia zia. Prima volta senza l’occhio vigile di mia madre!
Nel pacchetto regalo c’erano anche i miei cugini di cui, uno della mia età e l’altro di due anni più grande.
Come da copione, dalla parte di mia madre i parenti sono tutti abbastanza “sopra le righe”.
Mia zia ci lasciava molta libertà e a me non pareva vero.
Il nostro stabilimento balneare (“Principe di Piemonte” e già il nome è un programma ) pullulava di adolescenti miliardari.

800px-Bagno_principe_di_piemonte_03
Alla sera qualche volta andavamo nella discoteca del bagno e ho conosciuto tantissima gente.
Le giornate volavano e le avventure si sprecavano.
Per me, abituata sempre con mamma e papà in vacanza in camping o in case in affitto, quello era il mondo dei Balocchi.
Nei vasi delle piante di quel bagno io e la mia amichetta nascondevamo le Kim verdi alla menta. Fumare, senza aspirare, ci faceva schifo ma ci sentivamo grandi.
Quasi tutti quelli che frequentavo avevano i genitori separati e ricordo i piagnistei per questo fatto (io mi sentivo fortunatissima ma non potevo dirlo…).
Ricordo delle case da sogno e una ragazzina ribelle che ci portava nella sua a fare casino. Renato Zero è il suo padrino e questa cosa colpiva molto.
Poi ci fu la mia prima indigestione con bagno in mare. Vomitai anche l’anima ma mi servì ad imparare a guardare l’orologio prima d’immergermi!
Le lotte per terra con solletico e torture dei cugini, fantastiche!
I pranzi con hamburger da Galliano, quando nacquero i primi fast food e ti sentivi proprio un gallo a mangiare quella roba.
Quella volta che mia zia si spaventó a morte perché accompagnai un morosino alla stazione senza avvisarla. Mi credeva già dispersa e tornata a casa andò su tutte le furie con mia grande meraviglia, visto il suo permissivismo.
Poi il regalo di mio cugino: la cicatrice.
Io giravo in bici trainata da un altro moroso in motorino, accompagnata anche dal cugino coetaneo. Prendemmo una buca ed io feci un volo che mi lesionó il braccio.
Mio cugino mi pregó di non raccontare nulla a mia zia altrimenti, diceva, si sarebbe preso la colpa.
Io volli fare l’eroina e accettai il silenzio. Non contento mi promise di risolvere tutto lui e nascosti in bagno mi medicó la ferita con una bella quantità di Cicatrene.
Passai una notte infernale con un bruciore pazzesco.
Il giorno seguente mia zia capì che nascondevo qualcosa e dovetti confessare.
Questa volta si arrabbió al punto di volermi rispedire a casa.
Poi vedendo l’infezione della ferita fu costretta ad accompagnarmi al pronto soccorso.
Mi medicarono, sfregando con una tale potenza che io urlavo dal male.

Mio cugino rideva… e ora rido io quando mi guardo la cicatrice rimasta, marchio indelebile di quell’estate.

 

 

 

 

Quella piccola bambinetta aveva delle tremende afte che le tormentavano la lingua.
Lei era molto cocciuta ed era difficile aiutarla.
Probabilmente era un po’ debole per i ritmi dell’asilo che doveva ingranare, abituata precedentemente ad una vita con orari fluidi.
La lingua le bruciava, tanto, e l’unico modo per alleviare il dolore era una medicina spray.

Quella mattina peró, quel male insopportabile si trasformó nel Signor Maleallalingua.
La mamma della piccolina le raccontó di questo signorotto che era saltato sulla sua lingua in cerca di cioccolato. Aveva portato tutte le sue valigie e se ne stava comodo comodo dove lei aveva male.
Il Signor Maleallalingua era buffo, con un cilindro in testa ed un vestito un po’ stracciato e la sua lingua precedente era stata di una mucca che l’aveva abbandonato nell’erba di un prato.
Appena la bimba mangiava un po’ di fresca frutta o fresca verdura, il Signor Maleallalingua perdeva una valigia. Lui faceva spallucce e restava lì ma in fondo in fondo iniziava ad arrabbiarsi.
Poi se la bimba beveva molta acqua il Signor Maleallalingua si bagnava tutto e l’arrabbiatura cresceva insieme alla sua fame di cioccolata.
Finchè un bel giorno arrivó una spruzzata acida che accecó il Signor Maleallalingua che dopo varie resistenze, cedette e traslocó altrove.
Lui se ne andó ma il ricordo di come abbiamo preso in giro un’afta, è rimasto.