ATTRAVERSO IL PAESAGGIO SILENZIOSO

Mi sono alzata presto per ritrovare quel paesaggio silenzioso che ogni tanto attraverso, sola, in estate.

Prima il mare con il tappeto di sassi…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il luna park addormentato…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il molo con qualche pescatore e la torre del bagnino…

Questo slideshow richiede JavaScript.

La casetta scrostata di “Tittincubo”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo spazzino, gli sdrai in fila, la passeggiata vuota…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le bandiere, la rotonda e la rosa dei venti

Questo slideshow richiede JavaScript.

Infine due sculture…poi ho sentito dei goccioloni e sono tornata indietro…

Questo slideshow richiede JavaScript.

PENSIAMO UN PO’ ALL’INCONTRARIO?

Oggi corro nel paese di Jiji…

IL PAESE DI JIJI 
Testo e musiche di Andrea Lama e Gianfranco Fasano da:
“c…come cappello”, anno 2017 – © & ℗ 2017 – Fucsia Edizioni Musicali

“…Qualcuno sta impazzendo
c’è già chi tocca il fondo
però se noi pensiamo un po’
soltanto un po’
all’incontrario,
il cielo è qui per terra
non c’è l’effetto serra
restiamo tutti con Jiji…”

A TUTTI I GENITORI DI ADOLESCENTI

Stamattina ti ho sentita di sfuggita al telefono e ho pensato a queste parole…


Una piccola parte di te
di Gianfranco Fasano – Fabrizio Berlincioni – Gianfranco Fasano

Quando crescono i figli, non li tieni più in braccio 
E diventi un ostaggio, per il loro futuro 
E si alza quel muro che non c’era mai stato 
Che segna il confine tra preteso e già dato… 
Quando crescono i figli non ti danno più retta 
Hanno sempre ragione, vanno troppo di fretta 
Sanno dirti soltanto Buonanotte o Buongiorno 
E ti accorgi che è meglio… se ti levi di torno… 
Continua a leggere

UNA FORMA DEFORME

Il posto era perfetto: sole, mare, spiaggia a pochi metri, casa rimessa a nuovo, amici vicini. Da mesi cullavo l’idea di una parentesi inconsueta dove riuscire a ritrovare altre parti di me stessa, dove trascorrere tempo con mio marito, dove poter far vivere nuove esperienze ai miei figli. Ma, ma. Non eravamo soli e le dinamiche familiari hanno preso una forma deforme. Quindi eccoci a casa con l’orgoglio ferito e l’umore a terra. La convivenza con mio suocero non ha funzionato. Peccato perché le prerogative erano tutte positive. Alla fine il denaro vince su ogni cosa ma non per tutti…

I MISS YOU – AI MISSIÚ

Oggi ti abbiamo portata dai nonni per trascorrere una settimana di vacanze diversa, spensierata, libera dalla nostra costante presenza. E la cosa più incredibile é vederti felice di quelle piccole grandi cose che ti abbiamo insegnato. Sei felice di stare sola con i nonni, felice di stare nella loro casa, felice di rivedere i tuoi amici. E questo mi basta per darmi pace. Perché questa è un’età difficile, delicata, ma non solo per te. Mentre tu cresci io invecchio, mentre tu conosci io imparo, mentre tu 

formi le tue idee io cambio le mie. E ognuna dalla parte opposta del filo della propria vita, cammina sospesa. 

 

IL VIAGGIO NEL SIGNIFICATO

All’incirca un anno fa, grazie a Ginetta Maria Fino è iniziato il viaggio attraverso la mia storia che ho depositato all’Archivio dei Diari:
https://zuccazoe.com/2016/08/10/otto-2/#more-14610
La mia infanzia, il mio coro, la mia
Mariele e tutte le esperienze che mi hanno formata. Mi sono specchiata nella mia vita poi l’immagine è uscita dallo specchio, mi ha preso per mano e mi ha portata fin qui. E consiglio a chiunque questo viaggio nell’incuriosirsi di sè, a tratti doloroso, ma necessario per una vita significativa.