Alla porta

Tristezza, eccola che si presenta.
E invece d’ignorarla le apro la porta come se la stessi aspettando.
E invece di sbatterla fuori, la faccio sistemare comoda mentre ascolto musica triste.
La vivo, la sento ed è come se si potesse toccare, come se fosse un altro pezzo di me.

Gioia, eccola che saltella.
E invece di aprirle la porta faccio finta di dover uscire.
E invece di tirarla per un braccio e abbracciarla, la saluto a malapena.
La temo, la cerco ma è come se fosse impalpabile, come se volesse scappare da me.

Annunci