GIÙ DALLE SCALE

Stasera quando sono tornata a casa dal lavoro, ho avuto una sorpresa inaspettata.
I bimbi appena hanno sentito girare la chiave nella toppa, sono corsi giù dalle scale urlando : “Mamma!”
Zucchetta mi ha abbracciata forte e mi ha detto: “Quanto mi sei mancata…”e mi è salita in braccio e c’è rimasta fino all’ora di cena.
Zucchetto a tavola, prima della frutta mi si è avvolto intorno, carezzandomi i capelli e appoggiandosi alla mia guancia.

In pochi minuti ho apprezzato le fatiche di questa giornata.

IMG_6281.JPG

REGALO A TRE SENSI

Oggi sono andata a prendere i bimbi da scuola con una piccola sorpresa sui seggiolini dell’auto.

Le manine che sfogliano con avidità, gli occhioni che scoprono cose nuove, i nasini che annusano le pagine.

In realtà la sorpresa è per me, perché ogni volta che gli regalo un libro, mi rallegro della loro gioia.

20140314-231140.jpg

CORSO D’ATTESA

Ho iscritto mia figlia ad un corso.
È già la terza o quarta volta.
Il costo iniziale è di un euro e la durata varia a seconda di quanto si vuole spendere.
Al contrario di altri corsi, meno spendi e più dura.
Le lezioni durano pochi minuti e sono molto intense.
Aiuta nell’apprendimento dei numeri e facilita le relazioni.
Ogni volta c’é il fattore sorpresa che stimola molto ma qualche volta potrebbe ripetersi.
Ma il vero apprendimento è tra un’attesa e l’altra.

20130109-150428.jpg

IL MIO VIDEO

Oggi sono tornata a casa dal lavoro/ scuola nel pomeriggio.
Mio marito ha trovato nella buchetta della posta, la videocassetta che tanto aspettavo.
Una registrazione cercata da anni di me da bambina.
Lui e mia figlia sono andati a fare la spesa mentre io e mio figlio siamo andati in casa.
Io stringevo tra le mani il sogno di lunghi anni e avevo quasi paura di rovinarla. Finalmente dopo aver riposto il minimo indispensabile, sono corsa ad infilare la cassetta nel videoregistratore che, fortunatamente, non abbiamo ancora archiviato nella “roba vecchia”.
Tra la cassetta e la custodia c’è una lettera scritta dalla ragazza che me l’ha mandata. Quindi otre alla briga di spedirmela, anche quella di scrivermi…
È una lettera che si legge in un soffio poiché scritta bene e con affetto. Molto dolce. Abbellisce il momento.
Sono agitatissima, mio figlio mi distrae in tutti i modi: prima vuole giocare poi correre senza ciabatte, infine si calma sul divano. Gli ho spiegato che per me è molto importante rivedermi e diventa comprensivo.
Ecco il grande momento, accendo il videoregistratore, non va. Provo, riprovo, spengo, riaccendo. Nulla.
Di corsa, salgo al piano di sopra per usare l’altro, eh eh, stavolta ce la faccio anche se mi devo accontentare del monitor più piccolo…Non va. Uffiiiiiii. Provo, riprovo, spengo, riaccendo. Nulla.
Mi tocca aspettare che torni mio marito.
Ho mille cose da fare ma non ne voglio iniziare nessuna perché la mia fettina di tempo voglio dedicarla tutta al momento magico!
Mio figlio, spazientito, vuole giocare… Ha ragione: lui deve capire me, quando io non voglio capire lui?
Aspetto, aspetto.
Finalmente arriva mio marito che collega il cavo staccato.
Siamo tutti davanti al televisore che in questo momento è il Re dell’attenzione.
Parte la registrazione e dopo qualche battuta di Red Ronnie, un’ospite, mi sorprende parlando di “Ribelli”. Dice che quella bambinetta sulla destra del video, era tremenda. Tremenda perché le tirava in testa del polistirolo. Quella tremenda ero proprio io!
Mi sono rivista all’età di neanche quattro anni e facevo proprio tenerezza! Avevo enormi guance da mangiare di baci e due occhietti furbi e vispi. Ero buffa. Cantavo bene e mimavo impercettibilmente, le parole del mio compagno cantante. Tutto qui.
Un mondo racchiuso in un “tutto qui di pochi minuti.
Sono contenta.