A piedi nudi parlando in tedesco

Ieri sera ero a piedi nudi in un palazzo meraviglioso in Via Indipendenza mentre fingevo di svenire, spiegavo in tedesco come si costruisce un ponte, rimuginavo sul Don Giovanni di Mozart (?) insieme a un gruppo di perfetti sconosciuti. E finché accoglieró queste occasioni, sarò coerente con me stessa ovvero la me che voglio essere.

Annunci

DALLA CINA FINO A QUI

È la prima volta che mi allontano per così tanto tempo da mio marito e mia figlia che sono in Cina per una serie di concerti con il Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna. Una scelta difficile ma ponderata.
Questo distacco è strano e pieno di contraddizioni… può essere una difficoltà o un’opportunità!
Da una parte si respira un’aria più leggera, più libera, dimezzata; meno discussioni, meno cose da fare, meno presenze. Dall’altra, una sensazione di Continua a leggere

Ieri durante il nostro piccolo concerto dei Vecchioni a Montecatone, abbiamo condiviso una poesia, tratta dal libro:
” “Correre … sulle ali del pensiero” scritta da un ospite speciale: Francesco Miceli.
Quest’uomo in seguito a un incidente, vive da anni all’interno dell’ospedale completamente paralizzato.
Mi sono chiesta come possa aver trovato la forza per trasformare la sua condizione di vita da vittima a consolatore… Continua a leggere

IN VIAGGIO ALLA RAI

Pochi giorni fa mi ha telefonato Sabrina, la direttrice del coro dove cantano i miei figli, proponendomi di partecipare con lei ad un’intervista. Ospiti ad una trasmissione del TG2 “Lavori in corso”, avremmo parlato del coro, dello Zecchino d’Oro e della mia storia di ex corista e mamma.
Così ieri sera dopo le prove in studio dello Zecchino, con trolley alla mano ci siamo dirette in stazione per prendere il treno che ci portava a Roma. Per cena, un tramezzino con birra.

Arrivate all’albergo ci siamo date appuntamento per il mattino seguente nell’atrio dove c’era un grazioso presepe meccanico.


E quando sono entrata nella mia stanza, Continua a leggere

VIAGGIO ALLA CITTÀ IDEALE

Lavanda e caramelle americane

Sabato mattina ero pronta per accompagnare Ginetta e Pino a Volterra al laboratorio teatrale “Logos” dell’ Archivio Zeta.
Sono arrivati con un anticipo di mezz’ora ma, la mia solita ansia di ritardare, ha fatto coincidere tutto. Ho raccolto le mie due borse: quella patchwork del Messico e quella grezza di juta, ognuna ben organizzata la sera prima, ho salutato la mia piccola tribù e sono salita in macchina. Nel posto dietro un sedile era reclinato per far posto alle varie scenografie tra valigie, ceste in vimini, la lavanda raccolta ieri, conchiglie e caramelle.
Io mi sentivo strana tra la voglia di vivere questa nuova esperienza e la tristezza di non condividerla con il resto della famiglia ma poi l’istinto di sopravvivenza ha avuto la meglio. Eravamo in perfetto orario sulla tabella di marcia ma, dopo pochi chilometri, Gin ha visto un campo di fiori viola e si è voluta fermare a raccoglierne qualcuno. E se da lontano erano incantevoli nella loro macchia di colore, da vicino erano strani, molto meno aggraziati anche se in realtà proprio quei loro bitorzoli li rendevano ancora più suggestivi.

0

Continua a leggere

COLAZIONE IRREALE

Stamattina ho puntato la sveglia alle 7.30 per non rischiare di perdere un altro treno.
Zucchetto si era già alzato con le sue piccole nuove banconote.
Poco dopo ci ha raggiunto Zucchetta.
La casa era silenziosa e tutti i biondini dormivano sparsi nelle camere.
Gli zucchetti si sono messi a giocare con le carte in un silenzio irreale.

Forse certe atmosfere si assorbono.

La tavola era già pronta dalla sera prima e io e la Bionda ci siamo salutate con uno spavento! ognuna di noi sbucava da un angolo.
Con tranquillità ci siamo ritrovati tutti a tavola a fare colazione.
La Bionda ha spalmato fette di pane con Nutella e marmellata.
Zucchetta ha goduto bevendo Nesquik e latte, Zucchetto con una bella fetta di Nutella.
Poi i cereali e il riso soffiato.
Ciottolina è arrivata per ultima con le sue mollettine in testa.
Non riusciva ad infilarsi le infradito e toccare quei piedini cicciotti mi ha fatto ricordare la mia Zucchetta da piccola.
La Bionda mi ha regalato il Nesquik, lasciato nella casa dalla sua amica e il biondino grande una carta a Zucchetto.
Come se non bastasse già ieri mi aveva regalato una crema solare e la sua generosità è sempre grande.
Finita la colazione e raccolte le nostre cose, siamo scesi nel giardinetto per le ultime foto ricordo.
Ci hanno accompagnato in stazione e ci siamo salutati una volta per tutte.
Il medio mi ha chiesto se anche stavolta saremmo rimasti!
Le ho ordinato di andarsene altrimenti avremmo scovato qualche altro stratagemma per restare ancora insieme!
In treno eravamo tutti e tre un po’ tristi come quando si lascia qualcosa di bello.
Un’altra bella esperienza con la Bionda.

20130719-194209.jpg 20130719-194231.jpg

 

20130719-194214.jpg 20130719-194225.jpg

 

 

 

 

IL PEPPINO DEL BALÌ

Quest’estate abbiamo visitato un museo della scienza denominato:
“il museo del Balì”.
http://www.museodelbali.it/

Da quest’esperienza è stato dato il nome al museo allestito oggi da Zucchetto, sempre al piano di sopra:
“il Peppino del Balì”.

A me è piaciuto molto.

Ho potuto ammirare:
IL COLLARE PORTAFORTUNA
collare pupazzi
E IL GIOCO PIÙ BELLO
aeroplanino di carta
LE REGOLE UFFICIALI DEL GATTO
Le guide d’Europa
LA CANZONCINA LI PIACE
schedina musicale
PIACE A PEPE CARINA
chitarra gioco
PIACE A PEPE
gioco legno
ATTENZIONE LANELLO E DI PEPE
anello Zucchetto
PERLA GIGANTE
palla gomma

20130217-222028.jpg

20130217-222034.jpg

20130217-222039.jpg

20130217-222045.jpg

20130217-222052.jpg

20130217-222059.jpg

20130217-222107.jpg

20130217-222112.jpg

20130217-222117.jpg

20130217-222125.jpg

20130217-222133.jpg

20130217-222139.jpg

20130217-222149.jpg

20130217-222159.jpg

20130217-222207.jpg

20130217-222214.jpg

20130217-222221.jpg

20130217-222228.jpg

20130217-222234.jpg

20130217-222243.jpg

20130217-222251.jpg

20130217-222303.jpg