IL PIACERE DI LEGGERE

La osservavo mentre leggeva.
Era molto concentrata e divorava le pagine con avidità. Intorno il nulla.
Sembrava molto più grande dei suoi nove anni soprattutto per le sue movenze.
La lettura fa parte dei suoi piaceri.
Quando le ho dato il libro, è stato stupendo vederle brillare gli occhi. Prontamente ha letto la trama.
L’ha lisciato, piegato con metodo la prima pagina rigida, l’ha annusato e si è infilata sotto alla coperta delle parole.

Un po’ di merito me lo voglio dare.
Dall’età di un anno e mezzo, è iniziato il rito della lettura.
Ancora adesso alla sera prima di dormire, noi tre ci ritroviamo per leggere insieme.
Questo è un grande regalo che ho fatto agli Zucchetti, investendo molto tempo e molta costanza.
Questo è un grande regalo che mi hanno fatto gli Zucchetti cercando sempre di migliorarmi.

20130326-091750.jpg

Gaston Izaguirre

L’APPELLO DEGLI GNOMI

Ogni sera il bambino correva a letto appena la mamma gli ricordava l’appello degli gnomi.
Si lavava i denti, faceva pipì, sistemava i suoi amici pupazzi nel letto con lui, si faceva rimboccare la coperta e … aspettava.
A questo punto, saltavano fuori dalla scala di casa e una vocina, nel buio, iniziava l’appello.
Leggeva tutti i nomi dei bambini del palazzo e un altro gnomo controllava se stessero dormendo o meno;
“Linda, dorme?”, “SI”,
“Gabriele?”, “SI”,
“Lara, dorme?” “Non ancora!”,
“Alice?”, “NO!”,
“Laura?”, “NO!”,
“Camilla?”, “Più tardi!”, e così via.

Gli gnomi cambiavano ogni sera: alcune volte c’erano i più piccoli, altre volte gruppi di gnome innamorate, altre ancora personaggi come Gnomone, Gnomazzo, Gnomaccio, ecc.
Tutti avevano una cosa in comune: volevano vedere il loro eroe e qualche volta litigavano perché fosse il loro turno.

Continua a leggere

IL CAFFÈ

Il caffè è un rito.
Quella piccola frazione di tempo in cui ti fermi ad assaporare un gusto.
Il piacere nasce dal profumo, al rumore del cucchiaino sulla tazzina, al colore sempre diverso fino al sapore di coccola da bere.
A me piace molto berlo “al tavolino”.
Se sono in un bar s’aggiunge l’ingrediente della gentilezza, ormai in via d’estinzione …
Quello che preferisco è cremoso con un gusto abbastanza deciso e a casa quello con la schiumina.
Shakerato, per me, è tutt’altra cosa.
Non ricordo a che età iniziai a berlo ma da allora almeno un paio al giorno me li concedo.
Quando smisi di fumare, una delle difficoltà più grandi fu quella di dover anche rinunciare al binomio perfetto: sigaretta/caffè.
Il caffè è insostituibile.

20120715-205914.jpg