LA MATRIOSKA VUOTA

Mi cade l’occhio sulla donna di fronte che si accarezza il pancione stesa sullo sdraio, all’ombra di una tela rigata e un libro.
La invidio perché per me quello è stato il periodo più bello della mia vita.
Mi sentivo parte di qualcosa di superiore, di miracoloso, di divino come “custodire e crescere una vita“. Per cui era sufficiente occuparsi della propria salute, sapendo di farlo per due. E non avere quell’ansia del FARE, dell’ESSERE, del REALIZZARE. Infatti, già ogni singolo giorno era tutto ciò. Il cibo che si mangiava, l’aria che si respirava, il sonno che si dormiva, i passi che si camminavano.
Tutto così semplice ma così grande, superiore ai miseri sogni umani mai sazi.
In quello stato mi sentivo come un meraviglioso recipiente di vita…

Zucca Zoe

Strana questa estate duemilaesedici.
Per la prima volta non ho sbagliato la valigia, sempre più consapevole di ciò che voglio.
Le mie giornate trascorrono in spiaggia ma a orari quasi fissi che vanno dalle 10 alle 13 e dalle 16/17 alle 19.
Ho cucito in ogni dove, appassionata e rilassata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ho scoperto che mi piace inventare borse con la juta e ancora di più con i gomitoli colorati avuti da mamma.
Mi diverto ad indossarle testandone le caratteristiche: “Questa è troppo piccola, questa è Continua a leggere

Ci sono persone che trasmettono benessere, trasudano positività.

Ed io le ascolto, le osservo, le sento.
Credo che tutto ciò dipenda dalle scelte che hanno fatto nella loro vita, perché serve coraggio per vivere bene.
E improvvisamente mi sento stupida ed insignificante, perché tutte le mie passioni sono rimaste sogni nel cassetto.
Il canto, la creatività, la scrittura, il ballo, la filosofia, l’empatia e tanto altro non hanno la giusta collocazione nella mia piccola vita.
I miei figli sono la realizzazione di tante di queste cose ma arriva un momento in cui le proprie passioni devono essere messe altrove.
Mi piacerebbe riuscire a fare cose belle e a rendere preziosa ogni giornata della mia vita.

IMG_6181.JPG