L’amore non si spiega

In questo periodo sto provando sulla mia pelle questo tipo d’amore che mai avrei creduto di saper accogliere…”il mistero”, “la diversità”, “l’indolenza” e molto, molto altro. Ti amo perché sei tu, perché sei unica, perché non so nemmeno spiegarlo.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1643757709007335&id=143563942360060

“NON MI RICORDO” UNA PLATEA BLOCCATA…

In un delizioso teatro gremito da 180 persone è accaduto qualcosa di straordinario: a fine rappresentazione nessuno si alzava e continuavano gli applausi scroscianti.
Non ho capito se fosse per lo stupore, lo sconvolgimento, la riconoscenza o chissà che altro.
Tra questi seduti, c’ero anch’io e la mia sensazione era di voler ascoltare ancora, magari per essere contagiata anche solo in parte da tutto quel coraggio…

Questo è successo ieri sera al teatro del Cassero a Castel San Pietro Terme, in occasione dello spettacolo “Non mi ricordo” di  e con Ginetta Maria Fino e Giuseppe Mainieri con la regia di Corrrado Nuzzo e Maria Di Biase.

Dentro un’ora abbondante hanno raccontato Continua a leggere

IL CANTANTE

Ieri sera è successo.
Le mie aspettative non sono state deluse ma addirittura superate.
Io e la Bionda ci siamo immerse in due ore di puro godimento.
Abbiamo ascoltato cantare e suonare “il cantante” e non uno a caso.
Un ragazzo che ha cantato e suonato ininterrottamente senza pause, senza mosse ma solo con il suo sorrisetto stampato sulla faccia.
Serio, serissimo, professionale, perfetto. Non uno sbaglio, non una stecca, nessuna stecca.
Una perfezione costruita,di certo, da anni di studi e passione.
Giacca nera, camicia, pantaloni scuri, scarpe classiche e un tocco di allegria nei calzini bianchi a righe orizzontali.
Sette musicisti e tre coriste.
Giochi di luci e nient’altro. Non serviva altro perché era già tutto nella sua musica.
Un genere da cantare, da ascoltare fino alla nausea.
Un misto di tradizione e novità tra melodie jazz, swing e melodico.
Una voce piena di espressioni anche se prevalentemente dolce come un barattolo di miele.
Naturale, spontaneo.
Ho avuto il piacere di assistere al concerto di Raphael Gualazzi.
Credo che sarà l’inizio di un lungo amore.

20130512-195309.jpg

20130512-195323.jpg

20130512-195332.jpg

20130512-195343.jpg

20130512-195354.jpg

20130512-220922.jpg

OGGI È NATA UNA STELLA, ANZI, LA MIA STELLA

Sette anni fa nacque la mia stella: mio figlio.

Il giorno della sua nascita fu speciale, uno dei più belli della mia vita.

Purtroppo ieri sera aveva la febbre quindi è rimasto a casa da scuola.
Oggi abbiamo pranzato insieme, soli.
Con un piccolo tavolo improvvisato e un cuscinone per terra, abbiamo guardato il filmato di quando era neonato.
Lui diceva che amavo di più quel piccolo nella televisione di lui adesso, perchè esclamavo in continuazione.

La nostalgia non ha tardato a bussare alla mia porta…
Ricordo giornate senza orari in cui lui e sua sorella erano le mie lancette.
Si divertiva a riconoscere gli oggetti che avevamo anche nell’altra casa e mi faceva tante domande sulle età di chi compariva nelle scene.

In realtà mi sembrano passati anni luce non tanto per i nostri cambiamenti fisici ma per quelli dei pensieri e delle emozioni.
Finora è stata una bella strada di sette anni percorsa insieme.
Gli auguro di raccogliere amore senza confini come quello che custodisce nel suo grande cuore.

20121203-151637.jpg