Sotto a un cielo di gioia

Il 24 giugno la Fondazione Mariele Ventre organizza un’occasione di ricordo a Padre Berardo, nella sua terra d’origine: Pavullo.
Noi coro dei “Vecchioni di Mariele” siamo ospiti per animare la messa al mattino e la conferenza al pomeriggio.
Il luogo da raggiungere é inaccessibile col pullman, così ci organizziamo con le macchine, arrivando a grappoli.
Il sole é caldo e probabilmente, come avrebbe detto Padre Berardo (e l’ho saputo da Maria Antonietta) è una “Marielata” che nelle occasioni canore, stravolge le previsioni del tempo!
Finalmente siamo tutti pronti, sotto al tendone bianco davanti alla piccola anzi piccolissima chiesetta che pare un dipinto. Indossiamo la divisa nuova: camicione di lino e pantaloni e scarpe bianchi le donne e camicia bianca e pantalone blu gli uomini. Luciana, la direttrice, appena ci vede sussurra: “Siete bellissimi” che è il suo modo di dirci che ci vuole bene!
Carla é pronta per manovrare il nuovo impianto, rubato da casa Palaferri, una cassa e un tablet con tutte le basi su MP3. Tra una base e l’altra rimbomba una sonora goccia “plik” che ci riporta ai giorni nostri. Perché ci sono momenti in cui é tutto così intenso che non ho più un’età.
Padre Secondo celebra la messa e diventiamo una voce dentro a quel quadro in un paesino tra le colline. Mentre cantiamo succede sempre che divento “lieve” e lo scopro grazie alla poesia di Vico Faggi che riesce a dare forma a quella sensazione. La leggo oggi per la prima volta a Montorso…

“Lievi” diventano anche i miei pensieri come Continua a leggere

Annunci

OCCHI AL CIELO

Arrivando all’Antoniano, ho fatto un incontro ma non un’incontro qualsiasi…perchè ad aprire la porta c’era Liliana Caroli che con la sua voce squillante mi salutava allegra. Oggi faceva la portinaia, ieri accompagnava i solisti e domani…chissà! E raccontandomi di quando si mise a pulire lo studio televisivo per l’arrivo improvviso di un gruppo di persone, mi ha fatto ricordare quel motto che Padre Berardo ripeteva allo sfinimento: “Non lavoriamo per l’Antoniano. Siamo dell’Antoniano”.
Quando ero piccola questa frase mi faceva alzare gli occhi al cielo per la noia, ora me li fa alzare per dargli ragione….