L’ARTISTA INCOMPRESA

Non c’era posto nemmeno per uno spillo, così ho dovuto fare il viaggio in macchina con tutti i legni raccolti in un sacchetto, sotto alle gambe. Ma alla fine sono riuscita a portarli a casa.
Stasera dopo cena mi sono rintanata nel mio stanzino. Ho acceso la luce a faro, un incenso, la musica “relax” e mi sono messa a ritoccare i buchi di colore nei legni, con i pastelli.


Continua a leggere