TRA EGOCENTRISMO E CONCRETEZZA

Sabato c’è stata la finale del 58° Zecchino d’Oro.58
Alle 15 i bimbi dovevano essere nella scuola pronti in divisa.
Quando il corridoio ha iniziato a riempirsi, io e Zucco siamo andati al cinema per prendere i posti a sedere.
Così è iniziata un’attesa lunga e noiosa sulle poltrone verdi a ribalta.

Guardando le persone intorno, ho scorto qualche faccia conosciuta che sbucava dalle varie file, tra spettatori e personaggi del passato. Vedendo alcuni genitori di partecipanti della scorsa edizione, ancora una volta, mi sono accorta di quanto l’Antoniano resti nel cuore. Per un attimo mi sono messa a pensare che se quella sala avesse dovuto ospitare anche solo tutti gli interpreti dei  57 Zecchini passati, lo spazio non sarebbe stato sufficiente. Infatti una simile manifestazione ha una storia enorme da raccontare fatta di centinaia di persone tra cantanti, genitori, musicisti, autori, ecc…

Ma alle 17 si sono spente le luci in sala e lo spettacolo è iniziato in un misto di eccitazione ed ansia.

E mi accorgo che il confine da non superare è la sete di visibilità che può assalire ognuno di noi. Perché per un genitore vedere il proprio figlio in televisione è una stupida soddisfazione. Stupida, soprattutto per chi, come me, non fa che criticarla. Ma il rischio di entrare in questo vortice di rilevanza inconsistente è sempre presente. Perché la televisione è una grande calamita che attira l’ego. E quando incontro persone che dicono ai miei figli: “vi ho visti in televisione!” (piuttosto che “vi ho sentiti cantare!”) mi rendo conto che è un male di tanti. Poi per me il pericolo è anche più grande, considerando che la mia infanzia l’ho vissuta tra le telecamere…
Quindi cerco sempre di mantenere un equilibrio tra l’egocentrismo e la concretezza. Perché se ci si impegna per fare qualcosa e lo si fa bene, allora è anche giusto mostrarlo. L’importante credo sia che non accada il contrario.
Inoltre, se questa visibilità viene mal gestita, i bambini ne pagheranno il conto appena usciranno dal coro, accorgendosi della fine di tutto.

E la puntata è volata in un soffio tra la piacevolezza delle canzoni e del resto. Infatti questa edizione mi è piaciuta particolarmente per la scelta dei conduttori (Flavio Montrucchio e Cristèl Carrisi) e di “quasi tutti” gli intermezzi, adatti ad un pubblico di bambini. In particolare ho apprezzato la comicità di Gigi e Ross, le illusioni di Simone Alani e le interviste spiritose di Mister Lui.

Poco prima della fine della puntata, siamo tornati alla scuola, piena di palloncini, dove la maggior parte dei genitori seguiva la finale. In conclusione hanno decretato la canzone vincitrice dell’edizione: “Prendi un’emozione” (Testo e musica di Lodovico Saccol) tra i vari commenti nella frenesia generale.
La mia classifica personale era:
1 –  Tutanc’mon 2 –  Lo zombie vegetariano 3 – Le parce que des pourquoi).

Infine ci siamo tutti posizionati nel corridoio, in attesa dell’arrivo dei bimbi del coro, dallo studio televisivo.
E man mano arrivavano tecnici, genitori, solisti, ex coristi che sviavano lateralmente.
Infine,i bambini sono arrivati, tra gli applausi di noi genitori e la leggerezza di un fine spettacolo.

La direttrice è arrivata più tardi, defilata, come per ogni Zecchino.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Annunci

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...